Samsung Galaxy S8: la nostra recensione

Con il suo smartphone Galaxy S8, Samsung ha puntato apertamente su un design di sicuro impatto, rendendo gradevole ed accattivante uno dei top assoluti della sua gamma. Ci sembra giusto partire subito dal primo approccio che un utilizzatore ha con un nuovo smartphone, ossia l’aspetto ed il suo design, per poi entrare nel merito delle caratteristiche tecniche che possiamo già anticiparvi essere di primissimo livello, pur con qualche piccolissimo difetto che ci riserviamo per le conclusioni finali.

Design e materiali del Samsung S8

S8 stupisce subito sia a guardarlo che ad impugnarlo: il suo design è un giusto mix di innovazione e sobrietà che non lascia indifferenti, perché si percepisce la sensazione di un device oggettivamente molto bello, per l’armoniosa bombatura che lo circonda e per l’elevata qualità che si percepisce nelle finiture ed al tatto.
Il vetro anteriore, un Gorilla Class 5, diventa un tutto unico con la scocca metallica verniciata, il che rende il tutto piacevolissimo da vedere ed anche da utilizzare in considerazione della spiccata ergonomia che si riflette anche sulle proprietà del display.

Il nuovo display

Grazie ad un nuovo rapporto prospettico, il display è uno degli aspetti più innovativi di questo prodotto di punta, interessante per le prestazioni e per la facilità di accesso a tutte le funzioni. Concentrata in 5,8” c’è una tecnologia AMOLED ad altissima risoluzione, con angoli di visuale perfetti e buona visione anche sotto il sole.

La curvatura contribuisce a rendere molto “cool” il Samsung S8, senza per questo creare il minimo disagio alla mano come accadeva con precedenti modelli. Siamo quindi di fronte ad un ottimo pannello, ed anche se si passa dalla massima risoluzione QuadHD+ a quella “solo” FullHD+ (quest’ultima impostata di default, per risparmiare batteria) le differenze sono impercettibili. La qualità dei colori è eccellente e ben calibrata, ed offre un’esperienza d’uso appagante in ogni circostanza.

Hardware e comparto memoria

La Samsung Experience tocca con il Galaxy S8 i suoi vertici. C’è un processore Octacore Exynos 8895 che schizza ad una frequenza operativa di 2,3 GHz e che, affiancato da 4GB di RAM e 64 GB di memoria interna (naturalmente espandibile) fa realmente volare questo telefono con una navigazione sempre fluida, ed anche con un uso massivo delle applicazioni.

Le reazioni agli impulsi sono rapide, immediate, e nell’utilizzo quotidiano la lettura di documenti o di e-mail, la navigazione sul web, un ottimo navigatore costituiscono attività che la Samsung Experience svolge in scioltezza con un feeling tra utente e device molto facile da raggiungere.
La analizzeremo nel successivo paragrafo dedicato all’ecosistema, per rendere questa nostra recensione ancora più completa e dettagliata.

Software e nuova Samsung Experience

La Samsung Experience 8.1 è il più aggiornato ecosistema messo a punto dal brand coreano, un’interfaccia sviluppata su Android Nougat 7.0 che si rivela essere più raffinata anche dal punto di vista grafico, con un buon lavoro di sviluppo.

Sono state riviste le icone ed ora viene offerta la possibilità di personalizzare i colori, i temi e persino la griglia, con in più anche un’ottima interfaccia con l’utente per l’utilizzo ad una sola mano.
Galaxy S8 integra inoltre BixBy, il nuovo assistente personale Samsung, anche se al momento lavora solo in lingua inglese ma è previsto l’aggiornamento con l’italiano nei prossimi mesi.

La funzione telefonia

Anche se ci stiamo occupando di uno smartphone, che assolve quindi ad un numero mostruoso di attività ed applicazioni se paragonato ai telefoni cellulari di vecchia generazione, non possiamo certo tralasciare l’aspetto basilare, quello del comparto telefonico: la ricezione risulta essere molto buona, con altoparlante dal suono nitido, rotondo e chiaro, ed anche la funzione vivavoce lavora in maniera impeccabile sia in entrata che in uscita. Le cuffie in dotazione sono delle AKG di alta qualità.

Autonomia e batteria

Un parametro sempre molto importante per chi fa un uso intensivo del proprio smartphone è quello legato all’autonomia: abbiamo testato che il Samsung S8, con la sua batteria da 3000 mah, offre buone prestazioni dopo essere entrato a regime nel sistema.

Una sorta di “rodaggio” durante il quale il device acquisisce le nostre abitudini di utilizzo è fondamentale, ma non dura più di 3 o 4 giorni: a quel punto S8 con una ordinaria gestione di app, mail, chat più altre funzioni riesce ad arrivare in fondo ad una giornata stressante ancora con un buon 10% di autonomia.
Abbiamo notato un leggero e momentaneo intiepidimento, ma solo con un uso prolungato di fotocamera e giochi. Se poi siete alla ricerca di una maggiore autonomia, sarà sufficiente optare per il Samsung S8 Plus, che integra batteria da 3500 mah.

Reparto fotocamera e video

Abbiamo appena accennato alla fotocamera, e qui possiamo andare assolutamente sul sicuro dal momento che S8 integra lo stesso modulo che già offriva prestazioni di punta sul Samsung Galaxy S7.

Il sensore si presenta con 12 MP di risoluzione ed apertura focale di f1.7, con una resa ottimale degli scatti anche in condizioni poco vantaggiose di luce; quando quest’ultima invece è quella più auspicabile, si ottengono degli scatti eccellenti, fedeli nei colori e molto nitidi.
Con Samsung S8 potrete creare degli album dei vostri ricordi dettagliatissimi e sempre ben bilanciati, grazie a questo comparto che si mantiene ai vertici nella sua categoria.

Anche i filmati risultano notevoli con la registrazione Ultra HD, sono stabilizzati con l’intervento del sensore ottico e catturano molto bene l’audio.
Se vogliamo sintetizzare, chi andasse alla ricerca di qualche difetto nel Samsung S8 non potrebbe proprio cercarlo nella sua fotocamera!

Considerazioni finali e giudizio

Samsung Galaxy S8 ha senza dubbio ridefinito gli standard di mercato per quanto riguarda i telefonini e smartphone alti di gamma, con le sue prestazioni soddisfacenti sotto ogni aspetto.
Display al top, design modernissimo, resa all’altezza delle aspettative anche dei più esigenti sono i suoi punti di forza.
Anche la confezione si presenta ricca di accessori, con il caricabatteria fast charge (1 ora e 45 minuti per la ricarica completa!), l’adattatore da Tipo C a USB ma anche quello da Tipo C a Micro USB, oltre alle già menzionate cuffie AKG con cavo antingarbugliamento.

Lo vogliamo trovare un difetto? Senza dubbio sta nel prezzo, ma la legge di mercato impone che la qualità si paghi. Per chi può permetterselo è un ottimo smartphone, con il suo prezzo di listino di 829 € che lo inserisce in una fascia di certo alta, tuttavia smanettando in rete è già possibile trovarlo a prezzi sensibilmente più bassi, per la serrata concorrenza tra i giganti del settore: basta saper cercare!

Commenti

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *